Accesso Facilitato

Immagine: 

L’accessibilità nei luoghi della cultura è un impegno che la Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma (SSCOL) ha fatto proprio, sviluppando una serie di progetti volti al superamento delle barriere e delle discriminazioni.

Per la Soprintendenza, gli interventi per una piena accessibilità dei suoi maggiori siti e musei si sviluppano in due direzioni: da una parte l’eliminazione delle barriere architettoniche, dall’altra con visite guidate volte alla accessibilità sensoriale.
Creare dei percorsi per chi ha difficoltà di deambulazione o è in sedia rotelle, non è cosa facile né all’interno di un’area archeologica, né in sedi museali situate all’interno di palazzi di intrinseco valore culturale dove si deve agire con cautela.

La Soprintendenza in questi anni ha creato, nei suoi maggiori siti e musei, dei percorsi che garantiscono la totale o parziale accessibilità, promuovendo anche visite per sordi e sordastri, ciechi e ipovedenti con guide specializzate per garantire l’accessibilità sensoriale.

Siti e musei con accessibilità